Senza categoria

Il gioco d’azzardo online spiegato dagli adolescenti al mondo adulto

Nel 2012 l’indagine conoscitiva sulla condizione dell’Infanzia e dell’Adolescenza in Italia, realizzata dall’Eurispes e da Telefono Azzurro, ha focalizzato la sua attenzione sul gioco d’azzardo online tra gli adolescenti.

 

Se nel 2012 l’attenzione sul fenomeno era già alta, oggi lo è ancora di più

Dati recenti, raccolti su oltre 7.000 adolescenti dall’Osservatorio Nazionale Adolescenza (2015), mostrano che:

  1. Gli adolescenti scommettono online (15%) in particolare sui risultati delle partite di calcio, nei centri scommesse nonostante i divieti legati all’età (29%).
    Online possono giocare utilizzando carte di credito intestate ai genitori o ad amici maggiorenni.
    I controlli sono scarsi. È molto facile per un minorenne chiedere a qualcuno di giocare la schedina al proprio posto.
    Non è da trascurare l’influenza delle slot machine e dei video poker nelle tabaccherie e nei bar.
     
  2. Giocano pensando di poter guadagnare facilmente e spesso hanno un’inclinazione per il rischio e la ricerca di sensazioni forti.
    Di frequente il gioco è correlato al fumo, all’alcol, all’utilizzo di sostanzecannabis, droghe sintetichecocaina e ad elevati livelli di aggressività.
     
  3. Il rischio maggiore è lo sviluppo di dipendenze multiple, da gioco e da sostanze, con ricadute sul sonno, sulla concentrazione e sul rendimento scolastico.

Spesso i primi amanti del gioco d’azzardo sono i genitori.

A ciò si aggiunge l’accattivante pubblicità associata alle scommesse calcistiche e al gratta e vinci, la diffusione di slot machine (nelle sale d’attesa, nei centri commerciali) e di locali adibiti al gioco.

Una prevenzione possibile

Fondamentale per prevenire comportamenti disfunzionali in adolescenza è l’intervento educativo della famiglia.

Il confronto su questi temi, il dialogo sui rischi del gioco, le regole condivise e la presenza attiva e affettiva del genitore, possono favorire lo sviluppo del pensiero critico nell’adolescente, disincentivando il rischio di sviluppare gioco compulsivo.

L’attuazione di comportamenti a rischio può e deve essere monitorata anche nel contesto scolastico, luogo in cui progetti di prevenzione e promozione di competenze contribuiscono al benessere individuale e relazionale del minore.

Dott.ssa Michela Serina

Fonte: adolescienza.it/osservatorio/ ; www.azzurro.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...