Rubrica Università

Il circolo vizioso dell’ansia da esame

Tutoring universitario: come funziona il circolo vizioso dell’ansia da esame universitario?

Per far fronte ad un elevato livello di ansia, generato dal pensiero dell’esame, lo studente potrebbe decidere di procrastinare o di evitare lo studio.

Se accade, l’ansia si riduce e la sensazione sperimentata nell’immediato sarà di sollievo.

Tale strategia, sebbene aiuti lo studente a sentirsi meglio, porta con sé rischi nel lungo periodo:

– non avanzare con la preparazione dell’esame;
– prepararsi in modo insoddisfacente;
– prendere un voto basso;
– essere bocciati;
– rimandare l’esame;
– bloccarsi;
– andare fuori corso;
– dover recuperare tutto all’ultimo minuto;
– rinunciare alla vita sociale.

Tra le conseguenze negative della procrastinazione e dell’evitamento non va sottovalutata la possibilità nel tempo di valutarsi negativamente.
(“Non sono capace”; “Meglio mollare”; “Fallirò” ecc.).

In questo circolo vizioso, l’ansia non può far altro che essere continuamente alimentata e incrementata.

Il Tutoring universitario e il supporto psicologico aiutano lo studente a comprendere il perché del problema e a trovare strategie alternative per affrontare le difficoltà universitarie.

Dott.ssa Michela Serina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...